domenica 14 luglio 2019

Il nostro mese



Mi orientavo con il profumo del gelsomino nelle vie tutte strette e bianche che finivano in mare, quasi a strapiombo, in un tuffo unico nella felicità. Forse correvamo, forse ballavamo un lento. E risate, sì risate, nell'eco dell'estate, il vento contro, l'aria azzurra. L'infinito cristallino e selvaggio di luglio e dei tuoi occhi. Mi è sembrato di rivederli ieri, in un momento preciso tra un discorso ed un altro, mentre guardavi da un'altra parte, e pensavo che dovevo scattare una foto, e alla fine l'ho scattata e salvata qui, per quando mi servirà.


Da una ricetta di Sonia Peronaci

Ingredienti:

15 paccheri
250 g di mozzarella di bufala 
100 g di ricotta 
una decina di filetti di acciuga
150 g di salsa di pomodoro
2 uova
pangrattato
basilico
olio di semi di arachidi  
sale
pepe

Cuocete i paccheri al dente in abbondante acqua salata. In una ciotola tagliate la mozzarella a pezzettini e mescolatela con la ricotta. Aggiungete i filetti di acciughe sminuzzati, salate e pepate. Scolate e fate raffreddare i paccheri e con un piccolo cucchiaino riempiteli con il composto di mozzarella e ricotta. Predisponete due ciotole e riempitele rispettivamente con il pangrattato e con le due uova sbattute con un pizzico di sale. Passate i paccheri nelle uova e poi nel pangrattato, ripetendo l'operazione due volte per le estremità. Friggete i paccheri in abbondante olio di arachidi e fateli scolare su carta assorbente. 
Preparate i bicchierini riempiendo il fondo con la salsa di pomodoro, aggiungete poi un pacchero per ogni bicchiere, una foglia di basilico e servite.




domenica 30 giugno 2019

Una vecchia storia


In fondo cos'era? Un colpo di vento, il passaggio di una nuvola, un'onda troppo corta. C'era bisogno di innamorarsi così? Farsi spezzare il fiato, il sonno di notte, la calma di una canzone? Camminare e scordarsi dove andare. Ricordare invece un profumo, la sua voce, voltarsi sempre nello stesso punto, laddove invece lui non c'era, e forse mai c'era stato. Era facile immaginare adesso anziché vivere, stralci presi dai suoi sogni ad occhi aperti.

Ingredienti per 4 persone

350 g di spaghetti grossi
500 g di pomodorini
200 g di stracciatella
olio evo
sale
1 spicchio d'aglio
una decina di filetti di acciughe


In un'ampia padella versate 4 cucchiai di olio evo ed uno spicchio d'aglio. Fate rosolare un paio di minuti e poi aggiungete i pomodorini tagliati a pezzi. Cuocete per circa 20 minuti a fuoco basso; aggiungete un filo d'olio, salate e spegnete. Fate bollire l'acqua per la cottura della pasta e cuocete gli spaghetti al dente. Una volta cotti versateli nella padella, condite con la salsa e poi trasferite gli spaghetti nei piatti. Aggiungete la stracciatella in ogni porzione e qualche filetto di acciuga, se gradite aggiungete anche qualche goccia di colatura delle acciughe e servite.

domenica 2 giugno 2019

Ragione e sentimento


Riesco a malapena a capire qual è la faccia giusta di questa medaglia, quella che mi si addice e che alla perfezione sa abbinarsi a me superando indenne queste incredibili sfaccettature. Tra la voglia di solitudine, cuffie e fotografie da immaginare creandole in testa come uno schizzo di blu e viola e quella voglia matta di stare in mezzo alla gente con un bicchiere di vino rosso in mano, con tutti quei sorrisi che non immagino e che vorrei. Riuscire ad essere entrambe nello stesso istante, spezzando una volta per tutte questa assurda dicotomia. 


Ingredienti per 4 persone

320 g di penne integrali
1 mazzo di asparagi
100 g di prosciutto crudo
(tagliato in una sola fetta)
1/2 cipolla
1/2 bicchiere di vino bianco
olio evo
sale


Tagliate il gambo degli asparagi e pulite la parte restante con un pelapatate. Cuoceteli in acqua bollente salata per qualche minuto. Una volta cotti tagliateli a tocchetti e mettete da parte.
In un'ampia padella rosolate la mezza cipolla in tre cucchiai di olio evo, aggiungete il prosciutto crudo tagliato a pezzetti e successivamente gli asparagi; fate insaporire il tutto per una decina di minuti ed aggiungete infine il vino. Fate evaporare e nel frattempo cuocete la pasta al dente. Una volta cotta tuffatela nella padella, mescolate e aggiungete se necessario qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Terminate la cottura e servite, se gradite con una spolverata di parmigiano grattugiato.

domenica 19 maggio 2019

E penso a te



Ti pensavo allineato a me la notte, nonostante i chilometri e le stelle. I fatti, i fianchi, le spalle. Tutte le sintonie sbagliate, quando non ridevamo mai nello stesso momento. Dovevamo capirlo allora, invece di insistere a cercare inesistenti assonanze. Sognavamo dune e tramonti rossi, viaggi impossibili e illusioni continue. Io piccola, persa tra le tue mani e i tuoi tristi sorrisi. Non sapevi dire di no. E se ci penso è vero, in fondo tu non me l'hai mai detto.
  


Ingredienti per una teglia di 24 cm

Per la base:
150 g di biscotti digestive
100 g di amaretti
100 g di burro 

Per il ripieno:
250 g di Philadelphia
250 g di ricotta
2 uova + 1 tuorlo
90 g di zucchero
100 ml di panna fresca
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio di amido 
1 pizzico di vaniglia bourbon

Per la copertura:
100 g di cioccolato fondente
50 g di amaretti



In un mixer tritate finemente i biscotti e gli amaretti, amalgamateli con il burro fuso e stendete il composto ottenuto in una teglia con il cerchio apribile. Pressate bene il fondo ed i bordi e lasciate riposare in frigo per 30 minuti.
Preparate il ripieno montando le uova con lo zucchero. Unite sempre mescolando con una frusta la ricotta, il philadelphia e la panna fresca. Aromatizzate con il limone e la vaniglia e setacciate un cucchiaio di amido. Versate il composto sui biscotti e cuocete in forno preriscaldato a 170°C per 50 minuti. Una volta cotta fatela raffreddare e poi fate riposare in frigo per almeno 6 ore (meglio se tutta la notte). Prima di servirla sciogliete 100 g di cioccolato fondente e versatelo sulla cheesecake non appena intiepidita, sbriciolate gli amaretti e servite. 

domenica 5 maggio 2019

Quello che eravamo



Pronti a scattare per un nuovo inizio, tra flebili entusiasmi, biglietti e buoni propositi. Il mese di maggio è un mese strano, laddove si fanno bilanci io invece cerco una nuova strada. Le valigie le ho appena riposte, l'aria è fresca, pulita e vuota. Guardo un diverso panorama. Quello che cerco. Essenza, è senza. I pensieri modificano il tuo umore, amore. Io vado avanti mentre rimane sempre quel dolce irrisolto, ma è proprio lì il bello. Ed a volte anche il brutto, di noi.


Ingredienti

250 g di cioccolato bianco
200 g di cioccolato al latte
30 g di riso soffiato


Rivestite la vostra teglia (la mia 17x26 cm) con la carta forno o con uno strato di pellicola. Sciogliete metà del cioccolato al latte a bagnomaria, fatelo intiepidire leggermente e versatelo sulla teglia, livellate e conservate 15 minuti in freezer. Sciogliete il cioccolato bianco e aggiungetelo al riso soffiato in una ciotola, mescolate bene. Riprendete la teglia e versate il composto ottenuto, poi rimettete in freezer e nel frattempo sciogliete il cioccolato al latte restante. Dopo 10 minuti aggiungete lo strato di cioccolato al latte. Conservate in frigorifero per un paio d'ore e poi dividete in piccoli rettangoli con un coltello ben affilato. Avvolgete in carta d'alluminio e servite.



domenica 7 aprile 2019

Sole e nuvole


Sarà che ho sempre amato le nuvole, ma ho interpretato quel filo di luce sotto ad esse come una nuova apertura. Come una novità, come lo squarcio dettato dal sole mentre tentava di infilarsi in quel batuffolo di cotone. Oltre quelle strisce pioveva ancora, ma io sotto sotto ero felice, come un regalo inaspettato per trovare ancora del tempo per me. Un piatto caldo, una macchina fotografica ed un ombrello chiuso dietro la mia porta.

Ingredienti:

400 g di cavolfiore già pulito
3 patate
mezza cipolla
500 ml di acqua
200 ml di latte
sale
olio evo
speck
pistacchi
crostini


Rosolate lo speck in una padella con pochissimo olio per qualche minuto. Tritate i pistacchi e mettete da parte. Scaldate 3 cucchiai di olio in una larga pentola ed aggiungete la cipolla tagliata a fette. Non appena sarà imbiondita aggiungete le patate ed il cavolfiore tagliati a pezzi non troppo grossi. Fate cuocere per qualche minuto e poi aggiungete l'acqua ed il latte. Coprite e fate cuocere a fuoco lento per circa 40 minuti. Non appena le verdure saranno cotte salate e frullate con un mixer ad immersione. Versate la crema nelle ciotole e guarnite con lo speck, i pistacchi ed un filo di olio. Completate a piacere con dei crostini.

martedì 26 marzo 2019

Colori in insalata


Quelle passeggiate al mercato, mano nella mano, lo sguardo di mio padre sempre attento, i colori accesi ed il sole sempre forte sulle nostre teste, sui nostri occhi. Quell'odore di frutta buona, quell'allegria, introvabile adesso. Cercavo di studiare le facce, di memorizzare i banchetti, quelli migliori. Si assaggiava, si sorrideva. Si entrava in certe strade, strette come labirinti, con le vie d'uscita che immaginavano già il mare in lontananza. Non c'era inverno, non c'era altro. Macchie di vita lanciate come colori sopra una tela allora, sopra un piatto adesso.

Ingredienti:

Scarola
Ravanelli
Fragole
Sedano
Grana
Pistacchi
Olio evo, sale e aceto balsamico


Lavate la scarola, le fragole, i ravanelli ed il sedano. Tagliateli a pezzi e trasferiteli in un piatto fondo. Mescolate ed aggiungete il grana a scaglie e i pistacchi tritati al coltello. Condite con l'olio evo ed un pizzico di sale. Se gradite fate un giro di aceto balsamico. Tenete al fresco fino al momento di servire.